annuncio

Comprimi

Regole del forum

Benvenuti nel forum di www.camping.it e www.camping-italy.net

Questa è una comunità di discussione sulle vacanze in campeggi e villaggi turistici.

Tutta la comunità è tenuta a rispettare le regole del forum e le norme di buon comportamento.
In particolare:

1) Prima di scrivere un messaggio chiedetevi se il messaggio è adatto al forum. Il titolo del forum rappresenta una linea guida delle discussioni.

2) I messaggi contenenti offese, imprecazioni ed in generale qualsiasi cosa non rispetti le regole della buona educazione o violare le leggi italiane non verranno accettati. Nel caso in cui non si rispetti tale disposizione il messaggio verrà eliminato, l'utente escluso in maniera permanente dalla comunità e, qualora ne ricorrano gli estremi, denunciato all'autorità giudiziaria.

3) Il forum non è il luogo per recriminazioni o dispute personali. In questo caso utilizzate la vostra posta privata.

4) Anche se gli amministratori e moderatori di Forum di Camping.it cercheranno di mantenere il forum il più pulito possibile è impossibile per noi controllare tutti i messaggi. Tutti i messaggi esprimono il punto di vista di chi li scrive quindi i proprietari di Forum Camping.it non saranno responsabili dei contenuti dei messaggi.

5) Eventuali recriminazioni sulle modalità di moderazione non verranno accettate. E' comunque possibile contattare privatamente i moderatori.

6) Il forum è fatto per la discussione; ogni argomento va sviluppato apertamente. Non è ammissibile usarlo come vetrina per intavolare poi discussioni private o promuovere attività private e distinte dal forum stesso: questo è un forum pubblico di discussione e non un supermarket dell'informazione dove si prenotano risposte a piacere.

7) I messaggi che in qualsiasi modo possano essere considerati diffamanti verrano eliminati.

8) Messaggi , realtivi a fatti, persone e/o cose, contenenti accuse specifiche verso una struttura, relativamente a inadempienza parziale o totale dell'offerta, sia per quanto riguarda il lato economico sia dei servizi offerti verranno eliminati. Queste problematiche vanno riportate ai competenti uffici giudiziari. Riportate su questo forum prendono la forma di diffamazione e quindi perseguibili secondo i termini di legge.
Visualizza altro
Visualizza di meno

Riflessioni di una moglie che non voleva fare le vacanze in tenda.

Comprimi
Questa discussione è chiusa.
X
X
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • Racconto Vacanza: Riflessioni di una moglie che non voleva fare le vacanze in tenda.

    Quest’estate abbiamo fatto la prima vacanza “vera” (due settimane) in tenda, preceduta da un paio di weekend lunghi, per provare. E’ stata una delle più belle vacanze della mia vita. Lo dice una che fino a poco tempo fa bramava la vacanza all inclusive, o almeno con la mezza pensione e ad andare in tenda non ci pensava proprio, con grande dispiacere del proprio marito, campeggiatore sin da piccolo.
    Da quando sono nati i figli, abbiamo testato varie tipologie di vacanze (appartamento, B&B, hotel) dalle quali si tornava sempre non completamente soddisfatti e rigenerati, allora ho deciso di assecondare la natura campeggiosa del consorte – nonché l’indole curiosa e vivace della prole - cedendo alla vacanza in tenda. Della serie: se non puoi batterli, unisciti a loro.
    Decisivo è stato anche capitare, casualmente, in questo forum quando all’epoca cercavo info sui bungalow all’isola d’Elba; incuriosita da racconti, consigli e pareri di tendaroli navigati, un mondo a me sconosciuto, sono andata a vedere gli album… e ho visto le foto dei bimbi di uno di voi … dei bimbi felici, entusiasti, che gustavano con leggerezza e libertà una vacanza all’aria aperta insieme a papà e mamma. Il tarlo ha cominciato a rodermi: perché privare i miei bimbi di questa esperienza?
    Memore di precedenti esperienze in tenda dagli esiti non entusiasmanti e consapevole di quelli che siamo (mio marito partirebbe con una busta di plastica con dentro solo mutande e spazzolino da denti, io tengo i copri water usa e getta nel cruscotto dell’automobile, stile Furio di Carlo Verdone) mi sono preparata bene sul versante attrezzature – e qui il forum è stato prezioso- anche perché con un’auto piccola e due bambini al seguito si è dovuto valutare bene cosa portare e come farlo entrare nel bagagliaio. Diciamo che io sono stata brava a trovare cose che occupassero poco spazio (tipo le bacinelle chiudibili per lavare i piatti), lui è stato un genio del tetris.
    Ho imparato che il campeggio richiede organizzazione e spirito di adattamento e che i due aspetti si contemperano… se sei carente in uno, bisogna che supplisci con l’altro. L’optimum sarebbe creare un equilibrio, oltre che interno a se stessi, anche col partner con cui si viaggia, altrimenti il campeggio come nuova esperienza rischia di essere un flop.
    Va detto che in questa vacanza (nel sud della Corsica) siamo stati anche fortunati: il tempo è stato buono, il posto era bello, per fortuna ci siamo risparmiati sia la ressa agostana, che l’afa patita sino alla partenza; il campeggio era del tipo che piaceva/serviva a noi, ovvero semplice ed a contatto con la natura, inoltre nel corso dei giorni abbiamo conosciuto delle famiglie con cui ci siamo trovati in sintonia e questo ha reso ancora più piacevole la vacanza.
    Va anche detto che ora entrambi i nostri bimbi, essendo cresciuti, hanno raggiunto un minimo di autonomia e gestirli è risultato meno impegnativo, rispetto agli anni precedenti.
    Detto questo, io, la sognatrice del buffet no limits e della spiaggia attrezzata, in tenda me la sono proprio goduta: di notte nanna nel silenzio, la mattina colazione en plein air, poi arrivava qualche amichetto e, giusto il tempo di mettere il costumino ai figli, questi se ne andavano a giocare liberi, beati e soddisfatti…mentre noi decidevamo con calma cosa fare. A giorni alterni facevamo un’uscita con pranzo al sacco ed ombrellone al seguito (là dove eravamo quasi tute le spiagge non avevano alcun tipo di servizio), seguita da un giorno di relax in campeggio, dove avevamo una bella piazzola sotto gli alberi, e sortita alla spiaggia più vicina (peraltro col mare bellissimo..). Abbiamo anche visitato un paio di siti preistorici nell’entroterra e la città di Bonifacio, dove ho praticato un minimo di shopping compulsivo che tanto mi gratifica quanto fa inorridire mio marito. E’ stato un soggiorno ben dosato, tra riposo e visione di posti nuovi.
    Dormire in mezzo alla natura ci ha ritemprati: noi viviamo in città, in una zona piuttosto trafficata ed è stata davvero una vacanza rigenerante. La sera, poi, era uno spettacolo ammirare le stelle, che si vedevano nitidamente, dato che il campeggio non aveva alcuna illuminazione nei vialetti. Gli animali, dagli insetti ai cinghiali che di notte a volte giravano, erano parte dell’ambiente in cui ci trovavamo e non un problema… detto da una a cui fanno schifo i ragni e i vermi.
    L’atmosfera in campeggio, o per meglio dire in questa tipologia di campeggio, si è rivelata davvero piacevole: le persone erano rilassate, ci si approcciava in modo garbato ed era fare due chiacchiere in compagnia. L'ultima sera, abbiamo cenato insieme ad altre due famiglie, in piazzola. A mio avviso, c’era più interazione e disponibilità all’incontro, rispetto ad altre situazioni in cui mi sono trovata in passato e questa cosa mi è piaciuta. L’altro lato della medaglia è che ci può essere meno privacy, ma a noi non ha pesato minimamente.
    Uno dei punti interrogativi più grandi, per una neofita, era l’utilizzo dei bagni in comune per un periodo prolungato: sarebbe stato fastidioso? Premesso che i bagni sporchi non piacciono a nessuno, nel nostro caso non è andata male e per quanto mi riguarda, il fatto di non avere il bagno in camera non è stato fastidioso. Ho ovviato alla innata abilità di scordarmi sempre le cose essenziali in tenda (tipo la carta igienica o lo spazzolino da denti) ficcando tutto in una borsa di plastica che portavo ogni volta con me al blocco servizi. Coi bambini abbiamo usato pure i tanto dileggiati copri water. Anche andare a lavare i piatti…in compagnia mi è piaciuto: l’ho trovato rilassante. Così come la passeggiatina per arrivare ai servizi.
    Insomma, non è stata solo una pausa dal lavoro, è stata anche un’esperienza stimolante, che mi ha rimesso positivamente in discussione: chi ha fatto campeggio in tenda da bambino, con la famiglia, ha ovviamente familiarità con questo mondo e col modo opportuno di fare le cose, in questo contesto; chi manca di questa esperienza deve partire da zero. Devo senz’altro ammettere che avere accanto un ex baby campeggiatore, con oltretutto un’indole pratica, una buona manualità e spirito di iniziativa, è stato decisivo: non so quanto sarei andata lontano, io da sola con le mie bacinelle chiudibili e la mia inventiva zero davanti ad un fornelletto da campeggio.
    Adesso siamo tornati da poco, mio marito lo vedo soddisfatto della vacanza come mai finora e già sto sognando dove andremo in tenda l’anno prossimo! Se il tempo lo consente, prima della fine dell’estate faremo una mini uscita in qualche posto non lontano da casa. Insomma, è nata una nuova famiglia di campeggiatori, e ne siamo tutti felici...beh, i miei figli pensavo lo sarebbero stati di più: dopo questa vacanza, a loro piacerebbe la casetta di legno (leggi bungalow) o il camper (cioè il Westfalia di una famiglia con cui abbiamo fatto amicizia): il giusto contrappasso, dopo la mia conversione a “tendarola”.
    Un saluto e un ringraziamento a tutti voi del forum; è qui che ho letto: “In campeggio le manie lasciano lo spazio alla libertà”.

  • #2
    Re: Riflessioni di una moglie che non voleva fare le vacanze in tenda.

    Brava! Anzi Bravissima!
    Sono contento che anche a te il tendarolismo ha dato grande soddisfazioni. I bambini non scorderanno mai una vacanza in campeggio e dormire in tenda.
    Avanti cosi e ....alla prossima!
    sigpic

    Commenta


    • #3
      Re: Riflessioni di una moglie che non voleva fare le vacanze in tenda.

      Ti capisco, anche i miei piccoli mostriciattoli mi chiedono sempre il camper o la roulotte. Se ne faranno una ragione

      Commenta


      • #4
        Re: Riflessioni di una moglie che non voleva fare le vacanze in tenda.

        Condivido tutt'ora le tue sensazioni, ed ogni anno che passa riaffiorano completamente. E' come entrare in una dimensione diversa fatta di sorrisi, spensieratezza, disponibilita' e convergenza nei rapporti con se stessi e con il mondo esterno. Secondo la mia esperienza (IMHO) dipende molto dal periodo in cui si riesce ad andare, nel sovraffollamento non mi piace, preferisco i periodi inizio stagione. Noi dopo anni di tetris ci siamo organizzati con un carrello appendice in cui teniamo tutto e anche di piu', i primi anni sembrava un esodo la mia partenza. I miei ragazzi ci son cresciuti, e ogni anno sono sempre i primi a fare le valigie malgrado inizino a essere grandicelli.
        Romans - http://www.OpHusky.com
        https://goo.gl/photos/pPmPfAqakC1tD2jf8

        Commenta


        • #5
          Re: Riflessioni di una moglie che non voleva fare le vacanze in tenda.

          Benvenuta!
          https://plus.google.com/u/0/photos/1...87808055486193

          Commenta


          • #6
            Re: Riflessioni di una moglie che non voleva fare le vacanze in tenda.

            molto bene ...bravissima
            CHE TU CREDA DI POTERLA FARE UNA COSA O NON POTERLA FARE, AVRAI COMUNQUE RAGIONE !!!!!

            Commenta


            • #7
              Re: Riflessioni di una moglie che non voleva fare le vacanze in tenda.

              Bene, complimenti,
              anche noi appena tornati, e mi sa che eravamo vicini (Santa Lucia di Porto Vecchio), terzo anno di carrello tenda e secondo in Corsica. Come giudichi la Corsica?

              Commenta


              • #8
                Re: Riflessioni di una moglie che non voleva fare le vacanze in tenda.

                Originariamente inviato da gattoblu Visualizza il messaggio
                Bene, complimenti,
                anche noi appena tornati, e mi sa che eravamo vicini (Santa Lucia di Porto Vecchio), terzo anno di carrello tenda e secondo in Corsica. Come giudichi la Corsica?
                Ciao Gattoblu, noi eravamo verso Figari. La Corsica la giudico molto bene, almeno per i posti dove siamo stati noi.
                Ci tornerei subito!
                direi che gli unici contro che abbiamo riscontrato sono: i prezzi e la folla di agosto.
                Campeggio, traghetto e benzina meno cari dell'/per l'Italia, il resto tutto un po' più caro.
                Per la folla...abbiamo evitato le spiagge più famose, belle ma piene, ed abbiamo optato per le spiaggette più tranquille, belle comunque ma con pochissima gente e quindi molto rilassanti.
                Tu che hai già fatto un bis, che ne dici?

                Commenta


                • #9
                  Re: Riflessioni di una moglie che non voleva fare le vacanze in tenda.

                  Complimenti per il resoconto e per l'esperienza vissuta!
                  Devo ammettere che anche noi (io e la mia compagna) che siamo due ragazzi e che campeggiamo da circa 6 anni, ogni anno non vediamo l'ora di partire, montare la tenda, organizzare tutto il materiale, cenare all'aperto, guardare le stelle e vivere nella natura. Quest'anno poi, dopo aver saltato l'anno scorso per vari motivi, eravamo ancora più carichi...e ovviamente le vacanze sono andate alla grande.
                  E' vero che ad incidere sulla valutazione del campeggio ci sono situazioni come il meteo, i vicini di piazzola, l'affollamento....ma come giustamente dicevi anche tu, con buon spirito di adattamento (che si può anche sviluppare pian piano nel tempo) anche le esperienze meno belle possono essere vissute con gli occhi della felicità!

                  W il campeggio! W il plein air!!!
                  Innamorati dei sogni che nessuno te li porta via!!!!

                  https://plus.google.com/u/0/photos/1...3485867/albums

                  Commenta


                  • #10
                    Re: Riflessioni di una moglie che non voleva fare le vacanze in tenda.

                    È proprio vero le vacanze in tenda sono davvero speciali noi sono 3 anni che abbiamo la tenda e ci divertiamo tanto e per non parlare dei nostri bambini (3,6 e 9), stanno all'aria aperta e si divertono tanto!

                    Commenta


                    • #11
                      Re: Riflessioni di una moglie che non voleva fare le vacanze in tenda.

                      Benvenuta tra i malati di campeggio ,noi siamo tornati lunedì e gia mi manca il campeggio,però sto già pensando al prossimo anno sia come ferie che come raduno, però potevate venire poi facevate come Corso che aveva solo la tenda e si appoggiava a noi con la cucina e cibo visto che nei raduni si mangia e si beve poco ( se siamo in 15 si prepara per 20).
                      Lo so che non ci credevi quando tutti dicevamo che poi te ne saresti innamorata, ma se non lo provi non puoi capire e mi pare di capire che l'hai capito e non posso che farti i complimenti.
                      Ma il prossimo campeggio a quando???

                      Il bello delle ferie non è solo farle,ma anche organizzarle


                      Commenta


                      • #12
                        Re: Riflessioni di una moglie che non voleva fare le vacanze in tenda.

                        Originariamente inviato da lamoga Visualizza il messaggio
                        Ciao Gattoblu, noi eravamo verso Figari. La Corsica la giudico molto bene, almeno per i posti dove siamo stati noi.
                        Ci tornerei subito!
                        direi che gli unici contro che abbiamo riscontrato sono: i prezzi e la folla di agosto.
                        Campeggio, traghetto e benzina meno cari dell'/per l'Italia, il resto tutto un po' più caro.
                        Per la folla...abbiamo evitato le spiagge più famose, belle ma piene, ed abbiamo optato per le spiaggette più tranquille, belle comunque ma con pochissima gente e quindi molto rilassanti.
                        Tu che hai già fatto un bis, che ne dici?
                        Che dire: ho già predisposto il tris

                        Dopo il nord da Calvi a Ostriconi e il sud-est da Fautea a Bonifacio, punto al sud-ovest.
                        Sto valutando il Campo di Liccia a Bonifacio e il Kévano a Pianottoli-Caldarello: qualcuno li conosce?

                        Prezzi: i market hanno prezzi +/- simili a quelli che riscontro in Italia.
                        Ristoranti e bar hanno certamente prezzi superiori alla media italiana, ma con quello che si risparmia da campeggio e carburante (per non parlare della differenza sul costo del traghetto fra Corsica e Sardegna) sicuramente qualche cena te la puoi permettere.

                        Spiagge: anche le più famose (Santa Giulia, Palombaccia per esempio) in agosto rispetto allo standard italiano sono vivibili. Certo che io arrivavo verso le 9:30/10:00 e non ho mai avuto problemi.

                        Discorso diverso per le spiagge raggiungibili solo con 30/40 minuti di cammino: fantastiche e praticamente deserte.

                        20150817_135300_bis.jpg

                        Poi ogni giorno una spiaggia diversa .... il top.

                        Che altro dire se non che ritornerò.

                        Tu in che campeggio eri?

                        Commenta


                        • #13
                          Re: Riflessioni di una moglie che non voleva fare le vacanze in tenda.

                          Ciao Gatto blu; noi eravamo a Le Damier, che si trova a 200 mt dal Kevano. Ho messo la recensione nella sezione Giudizi sui campeggi. Noi ci torneremmo pure l'anno prossimo ma dipende dai gusti: E' molto semplice e tranquillo.
                          Al Kevano siamo stati per una cena, il campeggio l'ho esplorato quasi nulla, perché dovevo rincorrere i miei bimbi,
                          cmq sembra un bel campeggio anche se un po' natural-chic per i miei gusti.
                          Ad agosto era pieno e alla reception ci hanno detto che è meglio prenotare verso gennaio-febbraio se si ha una tenda tipo family:
                          il campeggio è disseminato da grosse pietre che limitano l'ampiezza delle piazzole. Per i classici igloo dovrebbe essere molto più semplice trovare posto.
                          Non c'era illuminazione serale nei vialetti e in generale sembrava ben ombeggiato.
                          Campo di liccia l'abbiamo visto passando in auto dalla strada e dall'ingresso ci ha dato la sensazione di un campeggio più"strutturato" che naturalistico.

                          Commenta


                          • #14
                            Re: Riflessioni di una moglie che non voleva fare le vacanze in tenda.

                            Bravissima e benvenuta

                            Commenta

                            Sto operando...
                            X