logo

Il portale dei campeggi e villaggi turistici d'Italia: Forum

Risultati da 1 a 2 di 2

Discussione: 15 giorni in Val di Non

  1. #1

    Predefinito 15 giorni in Val di Non

    Eccoci qua,
    ferie finite, inchiodati alla scrivania dell'ufficio. Roma ancora sonnecchia, i figli sono al mare dai nonni e che Dio ce li conservi sempre. "Come sono andate le vacanze?", ti chiede il collega che sbuffa già da qualche settimana in ufficio, molto prima che tu tornassi.
    Una meraviglia. E infatti è proprio così. Abbiamo trascorso 15 giorni in Val di Non. Bel posto, ma la Pusteria è un'altra cosa. Comunque l'importante è partire e rilassarsi, piantare e godersi la vacanza all'aria aperta.

    E allora com'è andata sta benedetta vacanza? Raccontaci dai.. siamo partiti all'alba del 7 agosto da Roma. Alle 13 eravamo già in campeggio. Per piazzarsi un'oretta, ma i bimbi sono stati bravissimi e non hanno litigato mentre mamma e papà piantavano picchetti e tiranti.

    Il camping, Camping Park Baita Dolomiti, merita una sufficienza piena, ma ci sono alcune cose da rivedere. Imbarazzante il numero di stanziali, di roulotte ingabbiate in orride prigioni prefabbricate, di legno, pvc o lamiera. Una baraccopoli, dignitosa, ma pur sempre una baraccopoli.

    Servizi puliti, in perfetto stile Trentino-Alto Atesino. Buono anche il ristorante. Nulla o quasi l'animazione, ma i bimbi si sono divertiti uguale. Basta uno scivolo, un prato, magari una visita alla fattoria a scoprire mucche e cavalli.

    La tenda merita un 10, come i giorni di pioggia torrenziale che abbiamo preso. Mai una goccia, mai un problema. In piedi contro vento e acqua. E allora complimenti signor Bertoni, davvero valida questa Ontario.

    La vacanza scorre via veloce: Trento merita perché il centro è un gioiello e il Castello del Buonconsiglio è adatto a bambini di tutte le età. Il lago di Tovel ti sbatte in faccia lo spettacolo delle Dolomiti e mi viene da pensare a quelli che si accalcano nelle spiagge e che si stanno perdendo una roba così.

    I paesini, le feste, i meleti, crauti, polenta, tortel di patate, salsicce e speck, marmellate e miele, la torta di grano saraceno e quella di carote. La sera pigiama lungo e felpetta. La mattina 9 gradi, mentre a Roma ne fanno 30 e più. Mica male.

    Poi le ferie finiscono, si smonta e si riparte. Quest'anno pochi carrelli tenda da ammirare, troppi camper e roulotte, ché gli italiani devono stare comodi. Mica come quella famiglia di tedeschi che ti ha fatto compagnia gli ultimi 3 giorni di vacanza. Mamma e papà e figli, in tenda Skandika. Roba tedesca, come la Golf station wagon, bruttina a dir la verità, su cui hanno caricato l'attrezzatura.

    Tu invece l'anno prossimo comprerai un carrello appendice, perché lo spazio in macchina non basta mai. Ti svegli dopo il week end che è lunedì e c'è l'ufficio.

    Arrivi e accendi il pc. Valanga di mail. Alle prossime ferie manca una vita, ma serve il carrello, un porta fornello nuovo, forse un armadietto per i vestiti che la soluzione che hai studiato quest'anno mica era tanto funzionale.

    Manca un anno alla prossima piazzola, ma a te non interessa.

    Che ne sanno gli altri? "Come sono andate ste ferie allora Francè?"

    Benissimo, come sempre.

  2. #2
    Data Registrazione
    Feb 2009
    Località
    Lugo (RA)
    Messaggi
    7,006

    Predefinito Re: 15 giorni in Val di Non

    Citazione Originariamente Scritto da FrancoRoma Visualizza Messaggio
    Eccoci qua,
    ferie finite, inchiodati alla scrivania dell'ufficio. Roma ancora sonnecchia, i figli sono al mare dai nonni e che Dio ce li conservi sempre. "Come sono andate le vacanze?", ti chiede il collega che sbuffa già da qualche settimana in ufficio, molto prima che tu tornassi.
    Una meraviglia. E infatti è proprio così. Abbiamo trascorso 15 giorni in Val di Non. Bel posto, ma la Pusteria è un'altra cosa. Comunque l'importante è partire e rilassarsi, piantare e godersi la vacanza all'aria aperta.

    E allora com'è andata sta benedetta vacanza? Raccontaci dai.. siamo partiti all'alba del 7 agosto da Roma. Alle 13 eravamo già in campeggio. Per piazzarsi un'oretta, ma i bimbi sono stati bravissimi e non hanno litigato mentre mamma e papà piantavano picchetti e tiranti.

    Il camping, Camping Park Baita Dolomiti, merita una sufficienza piena, ma ci sono alcune cose da rivedere. Imbarazzante il numero di stanziali, di roulotte ingabbiate in orride prigioni prefabbricate, di legno, pvc o lamiera. Una baraccopoli, dignitosa, ma pur sempre una baraccopoli.

    Servizi puliti, in perfetto stile Trentino-Alto Atesino. Buono anche il ristorante. Nulla o quasi l'animazione, ma i bimbi si sono divertiti uguale. Basta uno scivolo, un prato, magari una visita alla fattoria a scoprire mucche e cavalli.

    La tenda merita un 10, come i giorni di pioggia torrenziale che abbiamo preso. Mai una goccia, mai un problema. In piedi contro vento e acqua. E allora complimenti signor Bertoni, davvero valida questa Ontario.

    La vacanza scorre via veloce: Trento merita perché il centro è un gioiello e il Castello del Buonconsiglio è adatto a bambini di tutte le età. Il lago di Tovel ti sbatte in faccia lo spettacolo delle Dolomiti e mi viene da pensare a quelli che si accalcano nelle spiagge e che si stanno perdendo una roba così.

    I paesini, le feste, i meleti, crauti, polenta, tortel di patate, salsicce e speck, marmellate e miele, la torta di grano saraceno e quella di carote. La sera pigiama lungo e felpetta. La mattina 9 gradi, mentre a Roma ne fanno 30 e più. Mica male.

    Poi le ferie finiscono, si smonta e si riparte. Quest'anno pochi carrelli tenda da ammirare, troppi camper e roulotte, ché gli italiani devono stare comodi. Mica come quella famiglia di tedeschi che ti ha fatto compagnia gli ultimi 3 giorni di vacanza. Mamma e papà e figli, in tenda Skandika. Roba tedesca, come la Golf station wagon, bruttina a dir la verità, su cui hanno caricato l'attrezzatura.

    Tu invece l'anno prossimo comprerai un carrello appendice, perché lo spazio in macchina non basta mai. Ti svegli dopo il week end che è lunedì e c'è l'ufficio.

    Arrivi e accendi il pc. Valanga di mail. Alle prossime ferie manca una vita, ma serve il carrello, un porta fornello nuovo, forse un armadietto per i vestiti che la soluzione che hai studiato quest'anno mica era tanto funzionale.

    Manca un anno alla prossima piazzola, ma a te non interessa.

    Che ne sanno gli altri? "Come sono andate ste ferie allora Francè?"

    Benissimo, come sempre.
    Io ho ripreso oggi a lavorare (sono tornato lunedi) ma è inutile sono malato e sono gia nuovamente a pensare al campeggio del prossimo anno, cosa migliorare o modificare e via dicendo, ora sto combattendo per riabituarmi alle scarpe ed alla casa che mi sta stretta.
    Poi anche dov'ero io gli stanziali si costruiscono recinti,tettoie con teloni ed ombreggianti per non farsi vedere si barricano dentro e mettono dei ventilatori per far muovere l'aria,ma dico cosa c'è di più bello che essere all'aperto,cosa mi interessa se il vicino mi vede (o sentre) quando scorreggio o quando mangio e se mi metto l'accappatoio......ma.
    E' inutile chi non lo prova non può capire,e se lo ami sei malato perso come me.

    Il bello delle ferie non è solo farle,ma anche organizzarle



Informazioni Discussione

Utenti che Stanno Visualizzando Questa Discussione

Ci sono attualmente 1 utenti che stanno visualizzando questa discussione. (0 utenti e 1 ospiti)

Segnalibri

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  
  • Il codice BB è Attivato
  • Le faccine sono Attivato
  • Il codice [IMG] è Disattivato
  • Il codice [VIDEO] è Disattivato
  • Il codice HTML è Attivato